Logo Study in Venice

Conservatorio di Musica Benedetto Marcello

Akiko, studentessa di canto al Conservatorio di Venezia

Pubblicato il 12/03/2019

Akiko è una ragazza giapponese che ha deciso di trasferirsi a Venezia per studiare canto al Conservatorio. Conosciamola meglio attraverso alcune domande.

Perché hai deciso di venire in Italia e studiare canto?

Fin da quando ero bambina mi è sempre piaciuto cantare e durante i miei ultimi anni in Giappone ho iniziato a sentire il desiderio di trasferirmi a Venezia per diventare una cantante professionista. Amo Venezia perché mi affascina e mi stupisce ogni giorno, ho letto molti libri sulla storia veneziana e ho visto molti film ambientati a Venezia.
Nei momenti tristi in Giappone pensavo a come sarebbe stata la mia vita qui e questo pensiero mi dava molta energia e motivazione per andare avanti. Ricordo che quando sono atterrata a Venezia per la prima volta, mi sono commossa di fronte alla bellezza di questa città e mi è perfino sembrata più bella di quanto avessi immaginato. Ogni volta che passeggio per le calli veneziane mi sembra di essere dentro a un dipinto.

Che cosa studi esattamente?

Sto studiando Canto Rinascimentale Barocco al Conservatorio di Musica Benedetto Marcello, cioè un tipo di canto che va dal XV a metà del XVII secolo. Sono molto felice dei miei studi anche se a volte mi risulta difficile capire il significato filosofico e lo spirito di questo canto, ma cerco di capirlo attraverso Venezia. Infatti spesso assisto ai concerti organizzati nelle chiese della città oppure vado all’opera al Teatro la Fenice perché penso sia molto utile, come anche visitare chiese e musei dove sono esposti dipinti dell’epoca.

Secondo te qual è il legame che unisce Venezia alla musica?

A Venezia puoi ascoltare molta musica passeggiando per le strade. Mi considero molto fortunata perché posso ascoltare gratis bellissima musica ogni giorno. Se vuoi capire e apprezzare meglio la musica classica e antica ti consiglio di ascoltarla dal vivo. La musica ti fa provare moltissime emozioni ed è la migliore medicina per il proprio cuore. Oltre alla musica classica e antica esistono molti altri generi musicali che si possono ascoltare in molti luoghi: al Conservatorio, nelle chiese, nelle Scuole, per la strada e a teatro. Vorrei che anche le altre persone si appassionassero alla musica perché per me la musica è il più grande amore e l’amico più caro.

Com’è la tua vita a Venezia?

Sono molto contenta di essermi trasferita a Venezia, una città unica al mondo. Vivo in modo semplice, mi piace stare a casa e rilassarmi, faccio la spesa al mercato del pesce di Rialto dove compro il pesce e poi lo cucino a casa. Un’altra cosa che mi piace molto fare a Venezia è perdermi tra le mille calli veneziane, osservando il Canal Grande. Ogni giorno Venezia mi regala emozioni fantastiche: i suoni, il movimento e il luccichio delle onde della laguna, i meravigliosi palazzi veneziani e poi...il rintocco delle campane, il suono che preferisco in assoluto! Infine, come non ricordare uno dei grandi vantaggi di Venezia: non è necessario utilizzare la macchina!