Logo Study in Venice

Study in Venice

Wang Qiong: devi aggiungere i tuoi colori alla vita!

Pubblicato il 05/01/2021

Durante queste feste natalizie abbiamo intervistato Wang Qiong, studentessa al secondo anno del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale presso l’Università Ca’ Foscari Venezia. Wang è una ragazza dinamica, ha tanti hobby e nonostante l'epidemia il suo entusiasmo per la vita non è mai svanito.

Perché hai scelto di ritornare all’università dopo avere lavorato per due anni?
Il mio corso di specializzazione durante la triennale era Lingua e Letteratura Italiana; dopo essermi laureata, ho trovato lavoro come docente in Cina e durante il processo di insegnamento ho percepito gradualmente i miei difetti, per esempio mi mancava una profonda comprensione della cultura italiana e la mia lingua orale non era così perfetta, così ho deciso di continuare a studiare in Italia e migliorare le mie capacità su molti aspetti.

L’epidemia quali problemi ha causato alla tua vita quotidiana e alla tua tranquillità?
Per me il problema più grande dell’epidemia è non poter andare a lezione. Sebbene la modalità online di insegnamento e apprendimento assicuri lo svolgimento delle attività didattiche, ci sono ancora alcuni svantaggi, come il fatto di essere meno efficaci quando si studia da soli, inoltre l'effetto della modalità online non è così buono come il metodo tradizionale in presenza. Per quanto riguarda la mia tranquillità psico-fisica, fortunatamente, sono riuscita a rimanere in uno stato mentale sano durante l'epidemia!

Come affronti questi problemi?
A parte le lezioni online, cerco di non prestare molta attenzione all'epidemia quando navigo su internet, soprattutto al numero di nuove infezioni e di decessi ogni giorno perché mi provocano ansia e aumentano il mio stress. Durante la quarantena a casa mia, faccio ginnastica per mantenere corpo e mente sani, e cerco di distrarmi facendo cose interessanti.

Come bilanci il tuo tempo tra studio e lavoro?
Non ho tante lezioni questo semestre e quindi ho molto tempo libero, per cui ho trovato qualche lavoro part-time. Uno è come insegnante, insegno il cinese agli studenti delle scuole elementari, e l'altro è come agente di servizio clienti d’italiano in un'azienda transfrontaliera. I lavori part-time in realtà non mi occupano troppo tempo e ho il tempo sufficiente per studiare, al tempo stesso, mi tengono occupata e mi danno qualcosa da fare.

Hai tanti hobby come disegnare e fare fotografia: ti sei ispirata anche a Venezia o Treviso?
Io abito a Treviso, a Treviso vedo spesso tramonti molto affascinanti verso l'ora del crepuscolo quindi ho ripreso tanti momenti come questi. Seguo anche alcuni illustratori su Instagram che disegnano scene quotidiane e animaletti molto carini, di solito faccio la maggior parte dei miei disegni copiando il loro lavoro e imparando le loro tecniche di pittura.

Qual è il tuo corso preferito all'università?
Il mio corso preferito è stato Lingua Cantonese tenuto dalla prof.ssa Chiara Perinot e dal prof. Jimmy Lam perché il cantonese è una lingua molto interessante, con molte similitudini e differenze rispetto al mandarino, quindi è stato molto originale per me da studiare. Inoltre, la prof.ssa Perinot è italiana ma parla molto bene il cantonese e il prof. Lam è di Hong Kong per cui trasmette le sue profonde conoscenze della cultura di Hong Kong.